CARICAMENTO

Seguimi

Anche quest’anno (il 2010) è stato un anno speciale per il progetto Business School MBS che ho l’onore di seguire da vicino.

E’ il progetto di una classe che ha visto proprio nel corso di un anno così “particolare” imprenditori che hanno ottenuto crescite a volte strepitose nei propri fatturati. Hanno aumentato il numero di clienti serviti, hanno sviluppato nuovi prodotti e nuovi servizi.

E soprattutto hanno incrementato gli utili, che è la vera chiave per giudicare il successo di un’azienda nel mercato attuale. Come conoscere tutti i segreti di questi imprenditori? Semplice, anche quest’anno è disponibile il DVD gratuito dell’evento MBS Top of the Year 2010, evento che ha visto proprio gli imprenditori parlare in prima persona.

Non semplice teoria quindi, ma pratica di successo, concreta e misurabile. Direttamente da chi l’ha sperimentata. ecco una piccola anteprima:

Se desideri il DVD con il riassunto di 1 ora e 30 minuti di interventi, è gratuito!

Se vuoi saperne di più contattami!

Nessun commento
DOVE SPENDERE MENO PER PROMUOVERE?
9 Marzo 2011|Marketing Trend

DOVE SPENDERE MENO PER PROMUOVERE?

Una ricerca di emarketing.com mi ha incuriosito, evidenziando come i canali di comunicazione che usano le aziende (su web/email) si possano dividere tra “inbound” e “outbound”. Ossia i canali di comunicazione e marketing “in entrata” e “in uscita“. Ecco come sono distinguibili tra loro:

– In entrata (inbound), sono quelle azioni che mettono a disposizione delle informazioni utili per i clienti.

– In uscita (outbound), sono quelli che spingono un messaggio verso i clienti.

La ricerca è orientata sul mondo web, con un occhio speciale sulle campagne tramite i social forum (dove calcolare in modo efficace il ROI è una bella sfida). L’evidenza è che generare nuovi potenziali clienti (leads) costa sempre meno con l’utilizzo di azioni “inbound” (in entrata)

Sia nel 2010 che nel 2011, il trend riscontrato conferma che le azioni marketing orientate a mettere a disposizione delle informazioni ai clienti (inbound), costano il 62% in meno rispetto a quelle outbound (che mirano a “sparare” promozioni). Sempre considerando il mondo web/email.

Tra le tattiche di inbound più gettonate, rimane la parte di SEO a farla da padrone. Al secondo posto, sempre con lo scopo di generare più clienti potenziali, si evidenziano i social media. La crescita in questi campi (parlando del mercato USA) crescerà del 41% rispetto allo scorso anno (nei canali outbound crescerà del 24%).

Questa ricerca sul mondo web (USA!) esplora anche i canali più efficaci per trasformare clienti potenziali in contratti. Quasi 3 su cinque affermano di ottenere questo risultato attraverso il blog aziendale o linkedIn.

nei social media, si conferma Facebook come il migliore per le attività inbound B2C (privati), mentre LinkedIn per le attività B2B (aziende).

Ecco alcuni grafici della ricerca:

Se vuoi saperne di più contattami!

Nessun commento
AFORISMI
9 Marzo 2011|Aforismi Marketing

AFORISMI

” L’ansia non ci sottrae al dolore di domani, ma ci priva della felicità di oggi” (Anonimo)

Nessun commento
FIERA Business School MBS
6 Marzo 2011|Calendario

FIERA Business School MBS

Se giovedì e venerdì ci sarà la classe di studio MBS, il sabato sarà un giorno speciale, dedicato a tutti gli iscritti all’MBS.

Ci sarà la fiera di Scambio Business MBS. Fornitori e potenziali clienti si incontrano per fare affari, direttamente con i colleghi imprenditori. Quale modo migliore per trovare clienti… e non solo?

Se vuoi saperne di più contattami!

Nessun commento
I COLORI E IL MARKETING
6 Marzo 2011|Marketing BasicMarketing Trend

I COLORI E IL MARKETING

Questa piccola recensione è di un articolo del Directory Journal (Colour Matters.com) e esplora come i colori siano utilizzati per trasferire messaggi. Ci ho aggiunto anche qualcosa di mio. Queste teorie (e pratiche!) si utilizzano soprattutto nelle azioni B2C (i clienti privati), ma non solo.

Ci sono numerosi studi a riguardo, e sinceramente sono affascinanti quanto l’uso di tutti gli altri sensi. E di sensi ne abbiamo 5! Cosa esplora l’articolo?

Prima di tutto se devi proporre un nuovo articolo, le persone per il 93% dei casi scelgono in base al visual (colori inclusi), integrano con un 6% che si cura delle texture, mentre solo l’1% si basa sull’olfatto. A questo si aggiunge che l’85% vede nel colore il primo motivo di scelta. e per l’80% il colore è il motivo per cui si riconosce un brand. Non male!

Ovviamente il significato dei colori cambia in base alla nazione (in Giappone il bianco è il colore del lutto!). Tuttavia, alcuni punti essenziali per il mondo occidentale li riporto qui:

Giallo: è giovane e vivace. E’ utilizzato per attirare l’attenzione nelle vetrine.

Rosso: collegato al cuore,alza il livello emozionale e quindi spesso si usa per i saldi.

Blu: crea un senso di sicurezza e affidabilità. La troverai spesso nelle banche  e nei settori business.

Verde: è associato al benessere ed è il colore più facile da identificare. Quindi spesso è nelle aree relax. Una curiosità? Il verde e il nero sono il miglior contrasto da percepire per l’occhio umano (e infatti si usano nei visori notturni).

Arancione: è aggressivo e richiama l’azione (compra, iscriviti, ecc.).

Rosa: è romantico e femminile, spesso si abbina ai prodotti per donne e ragazze.

Nero: potente ed elegante. Si utilizza per i prodotti di lusso.

Viola: esprime calma e sicurezza. Si abbina bene ai prodotti anti età. O alla Open Source Management!

La ricerca valuta anche come le tipologie di clienti siano influenzate dai colori, proprio in base allo scopo che gli attribuisci. Per esempio, se il tuo target sono acquisti di impulso, meglio puntare su rosso, arancione, neo o blu scuro. Questo ovviamente vuole essere uno spunto, di certo troverete molti approfondimenti in rete.

Per ora, se ti serve di più, ecco un file utile  basta cliccare nell’icona qui sotto:

Se vuoi saperne di più, contatta Gianni Vacca

Nessun commento
5 / 477
1 90 91 92 93 94 95 96