CARICAMENTO

Seguimi

L’impatto della Digital Transformation sulle imprese
9 Gennaio 2024|Casi pratici di Marketing

L’impatto della Digital Transformation sulle imprese

L’impatto della Digital Transformation sulle imprese

Cos’è la Digital Transformation?

Come potrai intuire la cosiddetta Trasformazione Digitale riguarda i vari aspetti dell’utilizzo delle nuove tecnologie all’interno di un determinato contesto; può, chiaramente, essere associata ad ambiti differenti, dal lavoro allo svago.

Alcuni esempi di innovazioni in ambito lavorativo – quelli che più interessano questo blog – sono rappresentati da Intelligenza Artificiale, Big Data e 5G, per citare i più famosi di cui, certamente, avrai sentito parlare.

 

Arrivare pronti alla Digital Transformation: cosa devono sapere le aziende

Come la presenza di nuove tecnologie può influire sull’attività aziendale? E, soprattutto, cosa dovrebbero fare le imprese per non farsi cogliere impreparate?

Ecco alcuni suggerimenti pratici che ti aiuteranno a seguire questa trasformazione.

Come prima cosa ricorda di tenere il focus sull’utilità delle nuove tecnologie. L’introduzione di nuove tecnologie deve sempre essere focalizzata al raggiungimento degli obiettivi aziendali. Una nuova tecnologia non dovrebbe mai essere inserita prima che l’imprenditore abbia chiaro il beneficio che essa porterà all’azienda.

In secondo luogo, ricorda sempre che la Digital Transformation è prima di tutto un cambiamento culturale: formazione, condivisione del cambiamento e insegnamento delle competenze sono fondamentali per il corretto uso dei nuovi strumenti digitali.

Solo dopo queste prime operazioni è bene iniziare ad introdurre le nuove tecnologie nella nostra realtà aziendale. Ovviamente proporzionalmente al budget a disposizione.

Ultimo consiglio (non per importanza) è quello di tracciare le performance della propria azienda, una cosa fattibile attraverso appositi strumenti di misurazione. Dopodiché sarà importante confrontare i dati con quelli raccolti prima della Trasformazione Digitale introdotta. Per avere dunque un feedback sull’effettiva bontà di queste nuove innovazioni.

 

 

L’Educational Technology: l’innovazione nel metodo di apprendimento

Un altro aspetto a essere stato toccato dalla Digital Transformation che dovrai tenere in considerazione, oltre a quello lavorativo descritto poco fa, riguarda l’apprendimento.

In che modo? Negli ultimi anni le aziende, per l’apprendimento dei propri dipendenti, scelgono metodi didattici denominati Educational Technology (o Ed Tech). Si pensa infatti che gli strumenti digitali a supporto dell’insegnamento possano agevolare l’apprendimento rendendo questo processo più rapido e completo.

Potresti domandarti quali siano i vantaggi di un simile approccio.

Il vantaggio principale garantito dall’insegnamento digitale è la personalizzazione dell’apprendimento. Parliamo in sostanza di un metodo specifico, che va incontro alle esigenze di una determinata persona.

 

Lo Smart Working: uno spartiacque nella Digital Transformation

Fra le varie trasformazioni digitali da tenere un posto di riguardo lo merita lo Smart Working. Un vero e proprio spartiacque reso evidente analizzando il periodo pre-pandemia e il periodo post-pandemia a seguito del quale, per migliaia di aziende, questo strumento ha rappresentato prima un’esigenza e poi una consuetudine.

La domanda che sorge spontanea è: quali sono i motivi che spingono le aziende a continuare in questa direzione? Sono più i vantaggi o gli svantaggi di un simile cambiamento? È un discorso che, inevitabilmente, cambia da realtà a realtà.

Molte delle aziende che ancora adoperano lo Smart Working hanno evidenziato durante la pandemia una maggior produttività dei propri lavoratori. In determinati casi si è potuto constatare che la maggior flessibilità garantita alle persone porta ad un minore stress e ad una maggior efficienza del lavoratore.

Dal punto di vista aziendale è subito risultato evidente come più le persone lavorino da casa e più l’impatto sui costi fissi degli uffici sia andato calando.

Altro punto di vista da tenere in considerazione riguarda il fatto che lo Smart Working, qualora sia mal gestito, possa rappresentare un’esperienza negativa. Questo accade, ad esempio, quando non sono definite in modo chiaro le fasce orarie di disponibilità del lavoratore, oppure quando l’ambiente domestico non risulti adatto allo svolgimento di determinate attività (presenza di altri componenti della famiglia, rumori molesti, postazione di lavoro non adeguata).

Dovrai quindi tenere in considerazione che, per uno Smart Working efficace da utilizzare all’interno dei processi di Digital Transformation, occorre tenere in considerazione tanto le esigenze dell’azienda quanto quelle dei lavoratori.

In conclusione, condividiamo una riflessione sul tema Smart Working realizzato dal nostro Gianni Vacca, Marketing Chief Designer di Think1816, che in questo breve video spiega i principali vantaggi di questo strumento. 

 

 

Vuoi approfondire con noi questi temi?

Hai un’azienda e vorresti introdurre nuove tecnologie per sviluppare il tuo business? Sei interessato ad approfondire il tema della Digital Transformation? Non esitare a contattare Gianni Vacca

Nessun commento
ShareWithCare: proteggere i bambini sui social
21 Agosto 2023|Casi pratici di MarketingMarketing VideoWeb Marketing

ShareWithCare: proteggere i bambini sui social

ShareWithCare: proteggere i bambini sui social
Nell’era dei social media, condividere le foto dei propri figli è diventato un comportamento comune tra i genitori. Tuttavia, un video recente pubblicato dalla compagnia telefonica Deutsche Telekom solleva interrogativi importanti sul destino delle immagini dei nostri bambini una volta caricate online.
In questo articolo, grazie all’ispirazione di fanpage.it esploreremo l’effetto dello sharenting e analizzeremo il potente messaggio trasmesso dall’innovativa campagna “ShareWithCare” di Deutsche Telekom.
Sharenting e la Storia di Ella:
Lo sharenting, un termine nato dall’unione di “share” (condividere) e “parenting” (genitorialità), descrive l’abitudine sempre più diffusa tra i genitori di condividere le foto dei propri figli sui social media. Nel video di Deutsche Telekom, viene presentata la storia di Ella, una bimba di 9 anni, la cui vita virtuale viene esaminata attraverso una prospettiva inquietante.

La Campagna “ShareWithCare” di Deutsche Telekom: Un Monito a Tutti i Genitori:
Il 3 luglio scorso, Deutsche Telekom ha lanciato la campagna “ShareWithCare“, che sta rapidamente diventando virale. Il video mostra come il volto di Ella venga invecchiato e trasformato in quello di una donna adulta attraverso l’uso della tecnologia deepfake e intelligenza artificiale. La giovane Ella animata spiega ai suoi genitori ciò che potrebbe accadere alle sue immagini condivise online. L’obiettivo è sensibilizzare i genitori sugli effetti a lungo termine dello sharenting e sulla vulnerabilità delle immagini dei loro figli nell’era digitale.

 

I Rischi dello Sharenting: Un’Analisi dei Dati
Secondo le ricerche di Deutsche Telekom, un bambino di cinque anni ha mediamente circa 1.500 foto di se stesso online. Questo dato rivelatore sottolinea l’abbondanza di immagini condivise dai genitori e il potenziale impatto sulla privacy e la sicurezza dei loro figli. La creazione di meme, la truffa attraverso l’uso della voce dei bambini e la possibilità di furto di identità sono solo alcune delle minacce che potrebbero derivare dallo sharenting smodato.
Conclusioni: Un Invito a Riflettere e Agire:
La campagna “ShareWithCare” di Deutsche Telekom offre uno sguardo critico e provocatorio sul fenomeno dello sharenting. I genitori sono chiamati a riflettere sulle implicazioni delle loro azioni online e sull’impatto che queste potrebbero avere sulla vita digitale e reale dei loro figli. Alla luce delle sfide sempre crescenti legate alla privacy e alla sicurezza online, è fondamentale praticare lo sharenting responsabile e consapevole.
Un consiglio utile oggi? Aiutare associazioni che da sempre hanno al primo posto la protezione dei bambini anche attraverso l’educazione dei genitori. Fanno molto di più, basta andare a trovarli sul loro sito >>>  https://www.caramellabuona.org/
Nessun commento
Vacanze d’eccezione: l’esperienza Pillow and Pepper
2 Ottobre 2019|Casi pratici di MarketingMarketing TrendPMI Eccellenti

Vacanze d’eccezione: l’esperienza Pillow and Pepper

Vacanze d’eccezione: l’esperienza Pillow and Pepper

Il turismo è sicuramente un interesse mondiale, decisamente senza confini. In questo enorme e vastissimo mercato, si sono create nel tempo diverse nicchie.

Nessun commento
Ghosting: quando il marketing sparisce
25 Settembre 2019|Casi pratici di Marketing

Ghosting: quando il marketing sparisce

Ghosting: quando il marketing sparisce

Bentornati ad un nuovo appuntamento con gli aggiornamenti del blog di Playmarketing. Oggi ci rifacciamo ad un articolo letto su digiday.com che parla di brand e/o agenzie di comunicazione che fanno ghosting quando si tratta di definire o concludere progetti. Di cosa si tratta? Buona lettura!

Nessun commento
Lo scandalo D&G in Cina, visto dall’interno
28 Novembre 2018|Casi pratici di MarketingMarketing Trend

Lo scandalo D&G in Cina, visto dall’interno

Lo scandalo D&G in Cina, visto dall’interno

A meno che non viviate su Marte o non abbiate una connessione Internet – due eventualità decisamente improbabili – avrete sicuramente letto o sentito del pasticcio combinato da Domenico Dolce e Stefano Gabbana in Cina.

Nessun commento
5 / 567
1 2 3 4 11