CARICAMENTO

Seguimi

Lead Generation: Un processo per generare nuovi contatti
10 Marzo 2021|Demand Generation

Lead Generation: Un processo per generare nuovi contatti

Lead Generation: Un processo per generare nuovi contatti

Sul blog di Playmarketing parliamo ancora di demand generation e lead generation. Oggi, in particolare, ci concentriamo sui processi da mettere in atto per generare nuovi contatti. Per farlo, ci serviamo del supporto di un interessante articolo pubblicato sul sito blog.jumplead.com.

Per generare nuovi lead e creare interesse nei confronti del prodotto che vendi, devi offrire ai potenziali clienti dei contenuti interessanti. In questa fase, perciò, è interessante seguire il percorso di acquisto del consumatore dall’inizio alla fine e rispondere a bisogni specifici. Ogni cliente è diverso, quindi prima di creare contenuti ad hoc, poniti delle domande. Ecco due esempi indicativi:

  • Sono nuovi clienti o sono già fidelizzati?
  • L’acquisto è fatto d’impulso o è ragionato?

In base a queste ed altre variabili potrai costruire dei contenuti interessanti che possono portare il cliente al fondo del funnel.

 

Top of funnel

La fase iniziale dell’acquisizione di nuovi contatti è anche detta top of funnel. Questa prima parte si basa sulla possibilità di stabilire una prima connessione con i nuovi lead: l’obiettivo è portarli ad interessarsi ad un tuo contenuto. L’interesse genera traffico sul tuo sito web/sulle tue pagine social o, magari, su una landing page che hai creato.

Grazie a questa prima fase puoi capire, inoltre, per quale motivo i lead si sono interessati al tuo prodotto. I contenuti più indicati per la fase top of funnel sono i seguenti:

  • articoli su blog;
  • video;
  • newsletter inviate per e-mail;
  • ebook e guide.

Free Ebook - Demand Generation

Middle of funnel

Eccoci alla parte intermedia del processo. I tuoi lead ti conoscono, si sono interessati a ciò che proponi: è arrivato il momento di iniziare a costruire una relazione di fiducia tra voi. Per far sì che il lead si interessi all’acquisto, è necessario trovare il modo di comunicargli ciò di cui ha bisogno al momento giusto. Avere anche solo un indirizzo email è la chiave per profilare offerte e avvisi basati sulle esigenze del lead.

I contenuti su cui spingere in questa seconda fase sono:

  • tutorial e video dimostrativi;
  • casi studio;
  • schede tecniche che descrivano nel dettaglio i prodotti.

 

Bottom of funnel

La fase bottom of funnel è il momento decisivo, quello in cui i lead sono informati e devono solo decidere di acquistare. Ecco i contenuti che possono aiutare il processo:

  • recensioni di altri clienti;
  • testimonianze;
  • azioni di follow-up.

 

Assicurati di essere organizzato o, magari, di avere una persona specifica o un piccolo team specializzati sulla lead generation e che si occupino dei processi. C’è bisogno di fare dei report con scadenze precise e tirare le somme delle attività svolte e degli obiettivi raggiunti.

Cosa ne pensi di questo articolo? Sai cos’è la lead generation? Se vuoi saperne di più, visita la nostra sezione dedicata alla Demand Generation, saremo lieti di fissare una call gratuita con te!

Nessun commento
Condividi
Chi Sono
Ciao! Il mio nome è Gianni. Sono un progettista di Marketing e questo è il mio blog.
Iscriviti alla Newsletter


    Consenso Privacy

    This message is only visible to admins.
    Problem displaying Facebook posts.
    Click to show error
    Error: Server configuration issue