CARICAMENTO

Seguimi

3 strategie PR ai tempi del Covid-19
24 Aprile 2020|Media Office

3 strategie PR ai tempi del Covid-19

3 strategie PR ai tempi del Covid-19

Oggi sul blog di Playmarketing, grazie al supporto di un articolo letto su smartcompany.com.au, parliamo di strategie PR ai tempi del Coronavirus.

Uno degli scopri principali di chi lavora nel mondo della comunicazione e delle pubbliche relazioni con un cliente è fare delle previsioni: si crea una strategia dove si discutono potenziali obiettivi da raggiungere di lì a qualche mese/anno.

Ma cosa succede quando un evento – in questo caso una pandemia globale – come il Coronavirus mette in ginocchio il mondo intero, che ferma la sua economia per rallentare il più possibile il contagio? Se pianificare degli obiettivi è impossibile, comunicare con cognizione di causa e delicatezza risulta ugualmente complesso. Ecco qualche consiglio da mettere subito in pratica.

  1. Non cercare di trovare forzatamente una connessione tra il tuo marchio e la pandemia ora in atto nel mondo, se non esiste. Nessuno è immune al virus, quindi qualsiasi strategia comunicativa poco autentica e poco empatica verrà percepita come negativa – e danneggerà la credibilità del tuo brand. Non concentrarti solo sul tuo brand e su quello che può offrire, ma cerca di fare qualcosa per aiutare gli altri: consigli, esperienze maturate da fatti successi in passato, eccetera.
  2. Se riesci a estendere i tuoi servizi e prodotti senza avere gravi conseguenze economiche, fallo. L’articolo fonte cita l’esempio di una grossa compagnia operante nell’hospitalitytechche è riuscita a velocizzare alcuni processi di delivery e take away nella ristorazione. Ulteriori sforzi hanno permesso all’azienda di sviluppare tecnologie in grado di limitare al minimo il contatto tra persone – che si traduce in meno contagi. Un ottimo modo, questo, di raccontare un servizio che interessi nuovi, potenziali clienti ma che al tempo stesso permetta alle persone di continuare a lavorare.
  3. La diffusione del Coronavirus ha avuto molti effetti. Dal punto di vista comunicativo, è stato registrato un aumento dell’engagement sui social di ben il 76% su alcuni canali. Ciò vuol dire che la comunicazione, oggi, va intesa in senso ampio ed è necessario pensare anche a ciò che non rientra nella definizione di“comunicazione tradizionale”. I tuoi clienti hanno bisogno di essere rassicurati in momenti tristi e mutevoli come quelli che stiamo vivendo: cerca di rimanere in contatto con loro, racconta ciò che sta facendo il brand, quale valore aggiunto puoi offrire. Ciò può avvenire, ad esempio, postando regolarmente dei video per informare i clienti su nuove idee e cambiamenti apportati da questa crisi.

Prenditi cura della comunicazione della tua azienda: è fondamentale.

Cosa ne pensi di questo articolo? Diccelo contattando il team Playmarketing.

Pulsante newsletter

Nessun commento
Condividi
Chi Sono
Ciao! Il mio nome è Gianni. Sono un progettista di Marketing e questo è il mio blog.
Iscriviti alla Newsletter


Consenso Privacy

This message is only visible to admins.

Problem displaying Facebook posts.
Click to show error

Error: Server configuration issue