CARICAMENTO

Seguimi

Booking e la puzza sotto il naso
4 Giugno 2014|Marketing TrendWeb Marketing

Booking e la puzza sotto il naso

Prima di iniziare a leggere devi sapere che qui troverai spunti non solo per chi vive di turismo. Sei pronto a trovarli tra le righe? L’esercizio ti richiede solo 5 minuti, in palio la tua capacità di trovare clienti. Quindi la tua capacità di usare il marketing in modo profittevole per la tua azienda.

Diventa per un attimo titolare di un albergo. Ormai da tempo operi in un mercato molto competitivo, trovare clienti (e mantenerli) è sempre più difficile, la guerra sul prezzo è la regola alla base di tutto. Soprattutto perché i clienti arrivano da tutto il mondo e con gusti (e lingue) sempre più diversificati.

Chi gestisce un albergo, inoltre, una volta aveva bene in mente dove mettere la tua pubblicità, oggi trovare clienti diventa un’impresa veramente “articolata”. Significa complessa? Dipende. In questo caos di offerte e clienti compare una facile scorciatoia, il nome di un’azione (‘prenotare’) che diventa un’azienda che agisce come venditore per l’albergo. Si tratta di Booking.com

Si tratta di una soluzione talmente efficace che nel giro di pochi anni diventa il miglior venditore per l’albergatore e molto spesso anche l’unico in grado di proporre le camere a un pubblico molto ampio (spesso i clienti arrivano da tutto il mondo). Non a caso, booking.com (il venditore) sa usare molto bene il canale Internet.

Quel venditore (booking.com) ha ora il controllo dei dati dei clienti, ne facilita la ricerca e, giustamente, richiede la sua provvigione per il lavoro svolto. Certo, delle volte sbaglia, magari passa dal 15% al 18% di provvigione se vede che l’albergatore non ha alternative. Tuttavia è pur sempre il miglior venditore sulla piazza, l’imprenditore non ne può fare a meno!

Ad alcuni albergatori piace, almeno fino a quando si rendono conto che quelle % di provvigioni potrebbero essere utilizzate anche diversamente. Il loro marketing (che non è solo pubblicità) non ha i fondi per esistere, buona parte del budget è assorbito proprio da quel venditore esterno e dalle sue attività.

Non solo, dopo essere diventati dipendenti di booking, gli imprenditori-albergatori scoprono che quelle competenze, la capacità di vendere i propri prodotti e servizi ai clienti l’hanno persa.

Invece di imparare hanno chiuso gli occhi, consegnato tutto in mano al venditore (booking.com) che nel tempo da strumento è (quasi) diventato padrone dell’hotel. Lui sa come si vende una camera, l’albergatore non più: capita! E forse qui troverai dei paralleli, non vale solo per gli albergatori, vale per tutti gli imprenditori che si tirano ‘fuori’ dal loro mercato.

Dunque cosa deve fare un imprenditore-albergatore? Beh, dipende, ci sono diverse possibilità:

 

 1) Non è un problema!

Basta accettare che dipenderá dal venditore-booking. In fondo dare una percentuale a booking (oltre ad eventuali sconti) è un costo accettabile e per il marketing. Per tutto il resto c’è già il grafico e chi fa il sito. Serve altro?

 

2) Perché non farlo anch’io?

Certo, non ha senso fare concorrenza a booking.com se hai un albergo. È, invece, importante capire che quello che oggi fa booking fino a (non molto) tempo fa lo facevi tu. Eri tu il venditore che doveva sfruttare il marketing (che non è la pubblicità) per vendere le proprie camere. Quindi, torna a vendere tu su internet, tu con il tuo sito e sfrutta giustamente booking e l’ampia visibilità che ti può offrire. Insomma, l’azienda (ehm.. l’albergo) NON deve dipendere solo dalla forza vendite per trovare i propri clienti, deve mantenere le competenze al suo interno. E poi sicuramente usare tutte le possibilità che offre il mercato (inclusi i bravi venditori, che sono una risorsa preziosa!)

 

Tutto qui! Inizia a scegliere ora se vuoi darti la risposta 1 o la risposta 2. Questa risposta, sia che tu sia un albergatore o che tu sia un imprenditore di altri settori determinerà il successo o meno della tua attività marketing. In fondo, anche se non rispondi ora… hai già risposto!

Ti interessa saperne di più? Contatta Gianni Vacca

Nessun commento
Condividi
Chi Sono
Ciao! Il mio nome è Gianni. Sono un progettista di Marketing e questo è il mio blog.
Iscriviti alla Newsletter


Consenso Privacy

This message is only visible to admins.

Problem displaying Facebook posts.
Click to show error

Error: Server configuration issue